GasparOrto

Home / Progetti / GasparOrto

orto3Il contesto

Piazzetta Gasparotto è un contesto urbano in degrado nell’area della stazione di Padova, un luogo di passaggio, in cui si incontrano diverse realtà marginali (tossicodipendenza, persone senza fissa dimora). Il Quartiere Stazione, caratterizzato da un’elevata percentuale di migranti e popolazione over 65, gode di scarsa coesione sociale: le diverse popolazioni vivono vite separate e spesso entrano in conflitto. I residenti storici lamentano la mancanza di luoghi di ritrovo e di aggregazione, i nuovi abitanti, soprattutto immigrati, sentono di non essere accolti, mentre i nuovi poveri, i tossicodipendenti e i senza fissa dimora restano abbandonati.

Il progetto

In questo contesto, l’orto urbano diventa uno strumento per favorire l’inclusione delle fasce sociali deboli della popolazione che abitano il quartiere, nonché un punto di incontro fra queste fasce, i giovani studenti universitari e degli istituti superiori, i residenti storici e i lavoratori.
Gasparorto può diventare, in una delle aree più trascurate della città, il punto di convergenza di obiettivi specifici:

  • promozione della coesione sociale e riduzione della conflittualità urbana
  • promozione dell’empowerment e creazione di capitale sociale
  • promozione della rigenerazione urbana e sociale del quartiere
  • approfondimento di temi ad alto contenuto sociale

Fasi del progetto

  • Allestimento di una cabina di regia del progetto che definisca in maniera partecipata le regole di gestione dell’orto urbano e realizzazione di eventi culturali di comunità.
  • Progettazione dell’orto.
  • Realizzazione dell’orto.
  • Consulenza tecnica.
  • Corsi di formazione (agricoltura urbana e ortoterapia).

CO+, che ha sede in piazza Gasparotto, è stato coinvolto nell’ideazione del progetto, nell’ottica della creazione di una rete forte di comunità attorno all’orto urbano. In particolare, GasparOrto nasce da
un’idea di Orto sul Terrazzo, azienda incubata nel coworking CO+. Capofila del progetto è l’associazione Agronomi e Forestali Senza Frontiere.

Enti Finanziatori

Fondazione Enel Cuore
Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo

Partners

Associazione Agronomi e Forestali Senza Frontiere (capofila)

Il Comune di Padova, assessorato con delega a Cultura e Turismo, Musei, Spettacolo, Innovazione e
Smart City, ha concesso l’uso pubblico gratuito dell’area per la realizzazione del progetto.

Cucine Economiche Popolari

 

Bando: Orti urbani, agricoltura sociale e comunità del cibo come strumento per la creazione di società sostenibili ed inclusive

Anno: 2015

Ente: Fondazione Enel Cuore

Recent Posts