Rigenerare Spazi Pubblici – Le Esperienze Presentate

Home / news from CO+ / Rigenerare Spazi Pubblici – Le Esperienze Presentate

Durante il convegno “Rigenerare spazi pubblici: esperienze dai territori”, abbiamo ascoltato diverse esperienze interessanti di rigenerazioni urbana in contesti diversi e con metodi diversi. Per chi non ha potuto partecipare e per chi vuole maggiori informazioni, ecco un elenco riassuntivo dei relatori e delle esperienze presentate.

TAVOLA ROTONDA DEL MATTINO

Sofia Borri

Lavora nel non profit occupandosi di diversi temi, dalla coesione sociale alla cooperazione, dall’integrazione alla promozione della cultura. È direttrice dell’associazione Piano C.
Piano C è un coworking milanese nato del 2012 che si pone come obiettivo facilitare l’incontro fra donne e mercato del lavoro, realizzando svariate iniziative che spaziano dall’organizzazione di corsi di formazione e seminari, a servizi di cobaby e risorse e servizi salvatempo.

Laura Fregolent

Architetto, PhD in Scienze e metodi per la città e il territorio europei, è professore in Tecnica e pianificazione urbanistica.
Ha svolto attività di ricerca e collaborazione scientifica e maturato esperienze nell’analisi e interpretazione dei caratteri strutturali delle trasformazioni territoriali e urbane, con particolare attenzione ai fenomeni di dispersione insediativa, e studiato le possibili forme di adeguamento del piano e delle politiche di intervento in un’ottica di salvaguardia e tutela del territorio, del paesaggio e dell’ambiente.
Dal gennaio 2007 è direttore, insieme a Michelangelo Savino, della rivista Archivio di Studi Urbani e Regionali edita da FrancoAngeli. (Fonte)

Andrea Ferrazzi

Ha fatto parte del Consiglio Provinciale della provincia di Venezia in qualità di Assessore alla Cultura, all’Istruzione e all’Assistenza. Successivamente è stato Vicepresidente della Provincia di Venezia con delega, tra le altre, alle Società Partecipate. È stato eletto come Capolista nella Costituente Nazionale del Partito Democratico e, nelle primarie cittadine del 2008, è stato eletto nell’Assemblea Comunale. Dall’aprile 2010 al giugno 2014 è stato Assessore del Comune di Venezia e responsabile Urbanistica dell’ANCI Nazionale.
Attualmente è rientrato in azienda (settore delle telecomunicazioni) e continua il suo impegno civico collaborando con l’Associazione ReStart di Venezia e con ANCI nazionale nella Fondazione Patrimonio Comune per la valorizzazione dei beni pubblici. (Fonte)

Gino Mazzoli

Psicosociologo (Studio Praxis, Reggio Emilia) esperto di welfare e processi partecipativi, svolge da 25 anni attività di consulenza, ricerca e formazione nell’area del welfare verso enti pubblici, privati e del terzo settore, dedicandosi negli ultimi 15 anni a generare nuovi servizi attraverso la collaborazione di cittadini e istituzioni. È consigliere della Fondazione Manodori di Reggio Emilia. (Fonte)

Andrea Rebaglio

Lavora dal 2000 presso l’Ufficio Attività Filantropiche di Fondazione Cariplo e si è occupato prevalentemente di iniziative dedicate al mondo dello spettacolo dal vivo con particolare attenzione alla cultura giovanile e alla produzione contemporanea: il ciclo di bandi sulla “buona” gestione delle attività culturali e sull’avvicinamento del pubblico alla cultura, il progetto Être – Esperienze teatrali di residenza e il più recente fUNDER35 – il fondo per l’impresa culturale giovanile. Dal 2009 è Vice Direttore dell’Area Arte e Cultura. (Fonte)

 

ESPERIENZE PRESENTATE NEL POMERIGGIO

 

logo innesti urbani 1Innesti Urbani Marina Molinari e Patrick Grassi

Progetto di rigenerazione urbana volto a contrastare il progressivo svuotamento della contrada Antenore a Padova (zona compresa tra via del Santo, via San Francesco e via Santa Sofia) attraverso la riapertura temporanea di spazi sfitti e la loro conversione in sedi di mostre ed esperienze artistiche.

 

 

bioslabBios LabCaterina Peroni

Progetto che ha cercato di rispondere alle esigenze della cittadinanza attraverso iniziative culturali e servizi di welfare. Ha sede a Padova in spazi occupati e autogestiti in un quartiere caratterizzato dalla presenza di edilizia popolare. Fra le attività organizzate troviamo presentazioni di libri, proiezioni, concerti, occasioni di dibattito e MiniBios, ciclo di laboratori dedicati ai bambini.

 

 

socSense of Community Silvia Petronici

Le residenze per artisti Sense of Community, nate da un’idea della curatrice Silvia Petronici, riuniscono in luoghi semiabbandonati artisti e curatori per dar vita a progetti artistici site specific che coinvolgono le persone e i luoghi in cui sono realizzati.

 

 

11150973_383091821874646_9031843664218973339_nThe Next Stop Elena Ostanel

Progetto di rigenerazione urbana attraverso lo strumento culturale nella zona compresa fra la stazione di Padova e piazza Gasparotto. Al suo interno sono stati realizzati laboratori, incontri sulla rigenerazione urbana, iniziative di animazione di piazza e GasparOrto, un orto urbano fuori suolo gestito e accudito da un gruppo di cittadini.

 

 

greenlineGreenline Barbara Maculan

Un progetto di rigenerazione urbana e sociale avviato nel 2013 nell’area antistante la Stazione di Padova, caratterizzata da degrado, che ha cercato di proporre una dorsale alternativa per raggiungere il centro rispetto al percorso tradizionale. Per far questo ha proposto eventi culturali, creato laboratori artistico-culturali che coinvolgessero i soggetti emarginati e realizzato elementi di arredo urbano temporanei.

 

logoCasa del quartiere di San Salvario, Torino – Roberto Arnaudo

Spazio dedicato ad attività sociali, culturali e di animazione, rivolto agli abitanti. Offre cultura, formazione e servizi a portata di mano e coinvolge associazioni, cittadini, operatori artistici e culturali.
Comprende una caffetteria, una ciclofficina, un coworking, una banca del tempo, un orto, una sala riunioni, sportelli informativi e spazi di ascolto. Si possono frequentare laboratori artistici e corsi, organizzare feste, conferenze e spettacoli e proporre attività da progettare e realizzare anche con gli altri.

 

logo-homeMagfest Italia Annamaria Talone

Il Magdalena Project, creato nel Galles nel 1986, è un network internazionale che rappresenta un supporto per la pratica teatrale delle donne, un forum per la discussione critica, una fonte per l’ispirazione nella performance teatrale. Il Magdalena Italia si vuole rivolgere ad artiste, artisti, studiose e studiosi e quanti sono desiderosi di trovare un luogo che abbia una visione “femminile” per il lavoro artistico, per il processo creativo, per la trasmissione e la condivisione di idee e pratiche artistiche e si concretizza principalmente attraverso l’organizzazione di “Magfest”.
Annamaria Talone, una delle promotrici, ha presentato due esperienze: le performance site-specific presso l’ex-mattatoio di Pescara, spazio in disuso, a opera di un collettivo di artisti, e Popstar- rigenerare spazi di memoria, in cui si è cercato di recuperare il patrimonio degli anziani in 14 piccoli comuni abruzzesi attraverso narrazione e danze e musiche popolari.

 

zalab logo Zalab Stefano Collizzolli

ZaLab è un’associazione per la produzione, distribuzione e promozione di documentari sociali e progetti culturali composta da filmakers e operatori sociali.
Stefano Collizolli, la presentato un progetto, ancora in fase iniziale per la riqualificazione del cinema Excelsior attraverso la proiezione di film indipendenti.

 

 

È inoltre intervenuto Federico Alessandro Amico, presidente di ARCI Emilia Romagna.

 

 

Recommended Posts